Via Margutta e la Fontana degli Artisti

via margutta roma centro storico

Via Margutta e la Fontana degli Artisti

Via Margutta e la Fontana degli Artisti – Bioedil

A pochi passi dalla celebre Piazza di Spagna, incastonata fra i più suggestivi palazzetti romani, Via Margutta è un tesoro seicentesco considerato da molti dimora dell’arte di ieri e di oggi. Lunga e stretta e arricchita dalla presenza di un fontana di inizio Novecento, «l’antica via Nari prese in titolo “Margutta” dal nome dello scudiero di Morgante “Margutte”» spiega Renato Guidi nel suo La manutenzione del centro storico di Roma… all’occhio der gatto!

La strada è ben curata e ospita diversi orafi e gallerie d’arte che testimoniano il trascorso storico della strada e della zona. La Strada come ricorda Guidi «è celebre per l’avvicendarsi di artisti italiani e stranieri fin dal Seicento.». Agli inizi del Novecento è stata abitata da pittori famosi come Augusto Mussini e Gregorio Maltzeff e proprio lì ebbe un atelier anche lo scultore Antonio Canova.

La vera incoronazione a “strada dell’arte” avvenne negli anni Cinquanta grazie al film Vacanze Romane. In una scena del film Gregory Peck e Audrey Hepburn vengono portati in taxi proprio in Via Margutta 51. A seguito del successo della pellicola la Strada divenne un posto esclusivo e dimora di personaggi del calibro di Federico Fellini, le attrici Anna Magnani, Giulietta Masina e il pittore Giorgio de Chirico.

Fontana degli Artisti

fontana degli artisti restaurata

«Lungo la Strada è stata installata alla fine degli anni Venti la Fontana degli artisti, opera di P. Lombardi a sottolineare il carattere della Via». Renato Guidi, La manutenzione del centro storico di Roma… all’occhio der gatto!

Recentemente restaurata grazie ad una donazione la fontana che impreziosisce la via ha recuperato il suo fascino e il suo colore originale. Il restauro ha completamente rimosso il calcare accumulato nell’arco di un secolo e ha riportato alla luce il bianco del travertino romano. Altri interventi hanno interessato le vasche di raccolta interne che soffrivano di infiltrazioni e le tubature metalliche ossidate. Grazie ad un rivestimento con intonaco impermeabilizzante e la tinteggiatura della specchiatura di fondo oggi la fontana gode di nuova vita.

Via Margutta oggi

Forse una delle poche strade che conserva ancora il carattere che già 500 anni fa la contraddistingueva, un rifugio d’arte nel caos capitolino. La strada ad oggi ospita «gallerie di arte antica e moderna ed è ancora animata da numerosi antiquari che con ampi finestroni al pieno terra affacciano lungo la Strada, e partecipano alla cura di questo luogo così caratteristico», sottolinea Guidi nel suo libro. La vitalità di questo luogo è testimoniato anche dalla Mostra dei “100 Pittori a Via Margutta”, una manifestazione annuale che apre le porte delle gallerie d’arte presenti e raccoglie migliaia di appassionati da tutto il mondo.