Glasgow: la città sostenibile sede del prossimo vertice sul clima

Glasgow citta sostenibile

Glasgow: la città sostenibile sede del prossimo vertice sul clima

Glasgow: la città sostenibile sede del prossimo vertice sul clima

 

È la capitale economica e la più grande città della Scozia, la quarta del Regno Unito, ma Glasgow fa parlare “bene” di sé perché è stata premiata con il “Global Green City” (assegnato dal Global Forum on Human Settlements organizzato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente – Unep) e a novembre ospiterà il vertice sul clima Cop26. Una svolta sostenibile importante per questa città della Gran Bretagna, perché è proprio nelle metropoli che le persone vivono di più e i centri urbani giocano un ruolo fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici.

Cop26: appuntamento a Glasgow

L’obiettivo della Conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite Cop 26 è definire un piano d’azione per ridurre i gas serra e affrontare l’emergenza climatica in atto. L’inquinamento sta modificando il clima del pianeta con gravissimi danni occorre arrivare ad ottenere una neutralità climatica (zero emissioni nette di gas serra) entro il 2050 con il consenso globale e consentendo a tutti i paesi una transazione equa e rapida.

L’aumento delle temperature, i repentini cambi da freddo a caldo estremi, le alluvioni, gli incendi ed altri drammatici eventi metereologici portano danni all’ambiente, ma anche alle persone, alle strutture e alle infrastrutture, perché i cambiamenti climatici inducono a uno “stress deleterio”. Quello che si chiede è un cambiamento di rotta radicale a società che per secoli hanno basato le loro attività ed economie su basi differenti, ed ora serve una transazione verde e digitale, che l’Europa sta già avviando con un primo traguardo: quello del 2030.

Leggi anche: Architettura ecosostenibile: progettare nel rispetto dell’ambiente

Glasgow: storia e riconoscimenti

Come racconta una leggenda, Glasgow è stata fondata da San Mungo nel VI secolo d.c. e la cattedrale della città è dedicata proprio a questo santo. È una città vittoriana e industriale che sorge sul fiume Clyde, ed è sede della quarta università più antica del Regno Unito. Negli ultimi anni si è trasformata in una città elegante e attira sempre più turisti dopo Londra ed Edimburgo. Ha ricevuto nel corso degli anni il titolo di “Città europea della cultura” (1990) e il premio britannico come “City of Architecture and Design” (1999).

Ad ottobre 2020 ha ricevuto il “Global Green City” per la qualità dell’aria, la presenza di spazi verdi, per l’efficienza energetica degli edifici e per il sistema di traporto pubblico locale. Glasgow ha puntato negli anni a una svolta sostenibile proprio per essere una città più vivibile, raggiungendo dei parametri elevati nel contenimento delle emissioni di gas serra, nella costruzione di edifici di nuova generazione ecologici e rispettosi dell’ambiente, mezzi di trasporto elettrici, illuminazione smart e intelligente e turismo green.

Leggi anche: Il futuro dell’urbanizzazione: città costruite per i bisogni primari dell’uomo e dell’ambiente